Chi siamo

    La Contrada San Martino nasce nel 1953 con la prima edizione della Contesa del Secchio: in quegli anni è un'associazione spontanea di contradaioli che senza mezzi ma con grande spirito di iniziativa si impegnano per approntare anno dopo anno un'edizione sempre più ricca della più antica manifestazione storica delle Marche. Con il passare degli anni la manifestazione si radica sempre di più nello spirito della città e la contrada inizia a diventare per molti, in special modo giovani, punto di riferimento non solo per la durata dei festeggiamenti, ma anche durante il lungo periodo di preparazione sia atletica che logistica del gioco e del corteggio.

 

   

A partire dalla fine degli anni '80 le contrade storiche iniziano a dotarsi di sedi sociali che siano all'altezza del prestigio di cui le contrade godono nella città. La contrada San Martino sceglie così di eleggere a propria sede il Palazzo degli agostiniani: luogo simbolo per molti contradaioli che in quelle mura o per quei vicoli sono nati e cresciuti, e che si impegnano in prima persona dedicando il proprio tempo libero alla ristrutturazione dei locali che anticamente ospitavano le cantine dei monaci. Ultimata la sede, la contrada non è ormai più quel ritrovo spontaneo degli inizi, ma una realtà solida, una associazione attiva, un soggetto sociale e culturale che si impegna in iniziative durante tutto l'arco dell'anno, raccogliendo sempre più consensi ed aumentando le file dei propri contradaioli.

    Oggi la contrada è il luogo di elaborazione e preparazione di decine di attività, che coinvolgono tutta la cittadinanza ininterrottamente: oltre agli appuntamenti istituzionali della Contesa del Secchio e della Città Medioevo, la contrada San Martino organizza sia momenti sociali e ricreativi che tengano assieme i contradaioli nei momenti di festa, sia iniziative di alto profilo culturale come incontri, seminari, esposizioni, avendo come obiettivo sempre la propria crescita e quella della città di Sant'Elpidio a Mare.

© 2008 All rights reserved.

Make a website for freeWebnode